Condominio102 a sostegno della Ristrutturazione green

Ristrutturazione_green_condominio102-1.jpg

Parlare di “interventi per l’efficientamento energetico”, significa far riferimento non solo alle strategia per la riduzione del consumo di energia, ma anche al miglioramento delle condizioni indoor e all’impatto ambientale che determinati interventi causano nel tempo. Diventa importante sfruttare i nuovi incentivi fiscali, come il superbonus, per innescare un meccanismo di “miglioramento” che coinvolga in toto tutti gli aspetti che girano intorno ad un progetto di risanamento: analisi del contesto in cui si opera, risparmio energetico, impatto ambientale, ottimizzazione dei costi, sostenibilità.

L’Istituto per le Energie rinnovabili Eurac Research ha così realizzato una stesura di Linee Guida per i progettisti, contenente un insieme di soluzioni che possono garantire interventi di miglioramento energetico a 360°. Il documento redatto è suddiviso in due parti principali:

  • nella prima parte vengono descritte alcune tecnologie sviluppate nell’ambito del progetto;
  • nella seconda parte vengono descritte , come riporta il Quotidiano Condominio de Il Sole 24Ore, ”  […] una serie di stime delle prestazioni delle diverse soluzioni di riqualificazione profonda in funzione sia della tipologia di edificio residenziale in cui si applica (mono-familiare, casa a schiera, multi-familiare e edificio a torre) sia del contesto climatico ed edilizio europeo. Gli indicatori utilizzati, che comprendono 5 aree tematiche differenti, energia, comfort, qualità dell’aria interna, convenienza economica e durata del cantiere, rappresentano le prestazioni complessive dell’edificio post-riqualificazione…”

Sono state messe in campo diverse strategie per contribuire alla ripresa “post Coronavirus”; oltre al Superbonus del 110% in Italia, la Commissione Europea ha lanciato un progetto chiamato “Renovation Wave”, dedicato all’attività edilizia sostenibile e alle ristrutturazioni green. L’obiettivo è quello di ristruttura 35 milioni di edifici entro il 2030.

Come riporta FASI (funding aid strategies investments) in un articolo redatto il 14/10/20 “Gli edifici sono responsabili di circa il 40% del consumo energetico dell’UE e del 36% delle emissioni di gas serra. Ma solo l’1% viene sottoposto ogni anno a ristrutturazioni efficienti dal punto di vista energetico.  […] Si stima che il parco immobiliare dell’UE includa 220 milioni di unità immobiliari.  […] le proiezioni di Bruxelles prevedono un tasso annuo di rinnovo energetico dell’1% per il 2021-2022, che dovrebbe salire all’1,2% all’anno nel 2023-2025 prima di stabilizzarsi almeno al 2% all’anno nel 2026-2029. Il tasso di ristrutturazione che riguarderà solo il cambio degli impianti di riscaldamento dovrebbe raggiungere circa il 4% nel 2026-2030 sia nel settore residenziale che in quello dei servizi. Per farlo, servono 275 miliardi di euro di investimenti aggiuntivi nella ristrutturazione degli edifici.” https://bit.ly/3k1u0sa

Investire nella riqualificazione energetica oggi significa pensare in prospettiva e porre le basi per migliorare gli standard di vita e le condizioni ambientali domani.

Investire in Condominio102 significa aderire perfettamente a tutte le attuali norme legislative in materia di efficientamento energetico e contribuire ad una ristrutturazione green fondata sulla sostenibilità. 

Visita il nostro SITO e dai un’occhiata al nostro sistema di Building Automation

Fonti

Quotidiano Condominio de Il Sole 24Ore

FASI (funding aid strategies investments)


close






Iscriviti alla newsletter di Condominio102